13/07/18  
PERSONALE NAVIGANTE - VISITE COSMICHE E TOSSICOLOGICHE

 

 
LE GIORNATE UTILIZZATE PER LA LORO EFFETTUAZIONE SONO DA CONSIDERARSI ‘LAVORO’ E PERTANTO VANNO RETRIBUITE
 
‘I costi relativi agli accertamenti sanitari non possono comportare oneri economici per il lavoratore (compresi i costi connessi con eventuali spostamenti che siano necessari) ed il tempo impiegato per sottoporsi alla sorveglianza sanitaria, compreso lo spostamento, deve essere considerato orario di lavoro (come peraltro ribadito dall’interpello sicurezza n. 18/2014)’.
 
Lo stabilisce l’Interpello 14, Prot. n. 19849; del 25/10/2016.
 
Pertanto, le Compagnie Aeree che non rispettano quanto sopra esposto dovranno corrispondere, in favore del Personale Navigante che ha sostenuto le visite mediche summenzionate, i rimborsi dovuti, prevedendo il pagamento dell’attività svolta.
 
La misura costituisce novità positiva in particolar modo per il PN al quale, al momento, viene in- dicato di fare le visite cosmiche e tossicologiche addirittura in altra Regione (es. i dipendenti Alitalia delle Basi Milanesi vengono spostati a Roma), senza alcuna corresponsione economica.
 
Per quanto riguarda, invece, il PN che effettua il controllo tossicologico post -volo sulla stessa base di servizio, le disposizioni sopra esemplificate hanno effetto sul tempo di servizio complessivo (con particolare riguardo al ‘minimum rest’ necessario per l’eventuale attività prevista il giorno successi- vo) e sul calcolo della diaria spettante.
 
CONTATTA I DELEGATI DELLA TUA COMPAGNIA PER AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI.
 
Roma, 12 luglio 2018
 
ANPAC - ANPAV
 
 

 
 
chi siamo
presentazione
struttura
statuto
contatti
iscrizione
modulo di iscrizione
links
links utili
rubriche
legale
safety e security
normativa sociale
sanità
ctd
news
top news
alitalia
mistral
eurofly
meridiana
livingston
volotea
cigs
convenzioni
convenzioni
A.N.P.A.V. Associazione Nazionale Professionale Assistenti di Volo © 2007-2011 - p.iva 05161711006 webmaster [ design ] Privacy