Accolto il ricorso ex art. 28: comunicato stampa

Rinnovo “polizza infortuni” e “Polizza perdita brevetto” per il PNC
10 Novembre 2010
NO ROMA? NON PARTY! Disabilitato il “Lunga Sosta„ al PNC non Base Roma
15 Novembre 2010

Accolto il ricorso ex art. 28: comunicato stampa

UILTRASPORTI E ANPAV comunicano con grande soddisfazione che il Giudice del Lavoro di Tempio Dr Renato Perinu ha accolto il ricorso ex art. 28 Statuto dei Lavoratori (scaricabile alla fine del presente comunicato) depositato dall’Avv. Cristian Muzzetto dello studio legale Uggias a firma dei rappresentanti aziendali delle stesse OO/SS Marco Bardini, Rosario Cacciuottolo e Fabrizio Contino.

Uiltrasporti e Anpav in data 31.3.2009 all’esito di un’estenuante trattativa e al fine di scongiurare 140 licenziamenti collettivi, avevano sottoscritto il rinnovo del Contratto Collettivo Aziendale di Lavoro degli Assistenti di Volo Meridiana con validità di cinque anni e quindi con scadenza nel maggio 2013.

Detto contratto era però stato unilateralmente cassato dall’azienda dopo soli undici mesi di applicazione con l’imposizione arbitraria del contratto charter di Eurofly.

Ne era conseguita per gli Assistenti di Volo un’indebita riduzione salariale di circa 30 punti percentuali oltre ad un incremento vertiginoso dei carichi di lavoro.

Il pronunciamento del Giudice del Lavoro di Tempio, tanto clamoroso quanto giusto, ha capovolto la situazione è ha dichiarato antisindacale il comportamento tenuto da Meridiana fly e di conseguenza ne ha disposto la rimozione degli effetti con la conseguente applicazione del contratto di lavoro Uiltrasporti/Anpav sino alla sua naturale scadenza (maggio 2013).

La conseguenza è che Meridiana fly dovrà corrispondere agli Assistenti di Volo gli arretrati dal 1 marzo 2009 oltre ad adeguare le future buste paga con i vecchi parametri più vantaggiosi rispetto a quelli imposti col contratto charter della vecchia Eurofly.

Meridiana fly dovrà inoltre applicare la normativa di impiego del risorto contratto Uiltrasport/Anpav più rispettosa dell’integrità psicofisica del personale navigante il quale non potrà più essere sottoposto agli estenuanti turni del contratto charter Eurofly.

Quanto sopra è l’inconfutabile dimostrazione che con l’arroganza e con la prepotenza, il vecchio management ha quasi ucciso la prima realtà industriale della Sardegna e la seconda compagnia aerea italiana.

Auspichiamo pertanto che la nuova dirigenza confermi con i fatti le intenzioni (per ora solo) dichiarate, di voltare pagina e tenere delle relazioni sindacali tese al confronto e non allo scontro e comunichi quanto prima il piano industriale e riaprendo immediatamente i tavoli delle trattative.

 

UILTRASPORTI PROVINCIALE

Marco Bardini           Rosario Caciuottolo

 

ANPAV

Fabrizio Contino

SCARICA IL DOCUMENTO