AVR2: lincubo delle vendite di bordo e l’onere di un carico di lavoro inaccettabile

Proclamazione RSA ANPAV BLUE PANORAMA Base FCO
7 Maggio 2012
RSA – Richiesta di incontro Passaggi di Qualifica
15 Maggio 2012

AVR2: lincubo delle vendite di bordo e l’onere di un carico di lavoro inaccettabile

Da troppo tempo sulla qualifica dell’AVR2 grava un carico di lavoro inaccettabile, ulteriormente appesantito dall’espletamento del servizio vendite che mostra molte crepe nel suo funzionamento.

Riteniamo che tutti i colleghi che sono in possesso di questa qualifica  e che svolgono il loro lavoro con dedizione e competenza, sanno perfettamente che gli strumenti che sono stati messi a disposizione per l’effettuazione delle vendite di bordo, non sono stati pensati e tarati per le loro necessità di utilizzo.

L’ambiente lavorativo di un aeromobile, non è infatti un ufficio o un magazzino e soprattutto, risente di infinite variabili indipendenti tra loro.

Precisando, doverosamente, che non è in discussione la funzione di venditore dell’AVR2, riteniamo che siano indispensabiliimmediati interventi aziendali per mettere a posto la situazione attuale; per questo abbiamo richiesto una riunione urgente alla Cai.

 

In particolare sul medio raggio, con l’attuale sistema il servizio vendite ed i carichi di lavoro creano pesantissime ripercussioni sull’intero servizio.

  

Ricordiamo che l’AVR2 espleta le funzioni di venditore sulle direttrici extra Schengen, ovvero su voli che superano le 3 ore di volo; la dotazione viene aperta e controllata mediamente, dopo l’espletamento del servizio di bordo, dopo circa 1.30 di volo.

 

Il tempo quindi a disposizione per il controllo dotazione e il servizio vendite, è di circa un’ora ed i problemi che vogliamo evidenziare sono:

 

  • Discrepanze di items presenti sulla “lista cartacea” prodotti, allegata alla TN2;
  • La ricerca delle discrepanze, richiede tempo e pazienza, tutti requisiti che oggi per la configurazione del servizio e dei tempi di volo non sono sempre disponibili.

Al termine del macchinoso ciclo, ben noto a tutti gli AVR2, si attiva il percorso che porterà allo storno degli items discrepanti per evitare un improprio addebito, cosa della quale non si è sempre certi.

E’ dovere di qualunque Organizzazione Sindacale entrare nel merito dei carichi di lavoro dei Lavoratori, soprattutto se si determinano condizioni, quali quelle descritte, che rendono davvero difficile anche solo iniziare lo svolgimento di parte delle proprie mansioni.

Sappiamo bene che ogni volta che un AVR2 apre una dotazione, non sa bene a cosa va incontro e quanto si dovrà discostare da tutte le sue altre funzioni e responsabilità FONDAMENTALI stante il ruolo e le responsabilità che ricopre.

 

Di questo e altro vogliamo ovviamente parlare, durante l’incontro che abbiamo già richiesto su questa problematica.

La qualità della vita professionale è uno dei nostri principali obiettivi, su questo tema e anche su altre tematiche professionali, andremo avanti per ricercare soluzioni concrete ed esigibili in breve tempo.

 

Roma, 9 maggio 2012

 

RSA ANPAV