AVVIATA LA CAMPAGNA DI DISINFORMAZIONE DEI NON FIRMATARI

UN ACCORDO DI GARANZIA L’AZIENDA COSTRETTA A TORNARE INDIETRO DAI SUOI PROPOSITI
1 Marzo 2010
IL FOGLIO TURNI “DA’ I NUMERI”
6 Marzo 2010

AVVIATA LA CAMPAGNA DI DISINFORMAZIONE DEI NON FIRMATARI

Come ci aspettavamo, non avendo appigli ai quali attaccarsi, Cgil e Avia hanno avviato una subdola campagna di disinformazione sui contenuti dell’accordo del 26 febbraio.
La fandonia più grossa che sostengono, pensando di trovarsi di fronte a degli sprovveduti, è la bislacca tesi secondo la quale chi è iscritto ai sindacati firmatari andrebbe nella low fare, chi non è iscritto verrebbe risparmiato!
Gli accordi, una volta firmati, valgono per tutti (ricordate il valore erga omnes dei contratti?), e chi dice il contrario fa disinformazione e, cavalcando il malcontento, punta esclusivamente a fare qualche delega sindacale, o tutto al più a far arricchire ulteriormente i loro profittevoli uffici legali.
Questo Accordo contiene elementi e garanzie, in mancanze delle quali l’azienda avrebbe fatto il bello e  cattivo tempo.
L’evidente stizza dei non firmatari deriva proprio dal fatto che questa Intesa, rendendo trasparenti i criteri di selezione del personale destinato alla low fare, non permette altri giochini di carattere clientelare: togliendo così linfa e pretesti ad una consuetudine sindacale fatta di promesse e interventi ad personam, a scapito di tutti gli altri.
E’ evidente che ci sarà spazio e modo per evitare coercizioni nell’assegnazione dell’impiego nel segmento "smart carrier", e questo a prescindere se si è iscritti o meno ai sindacati firmatari.
E’ sempre molto difficile argomentare la validità di un Accordo quando ci sono organizzazioni che, esclusivamente per motivi politici, demonizzano quanto di positivo viene sottoscritto, conducendo le persone (e soprattutto i singoli colleghi) allo sbaraglio o al disorientamento più totale.
Il buon senso, la maturità e la capacità di giudizio della Categoria dovrebbero essere il miglior antidoto contro la politica da baraccone perseguita da certe Sigle Sindacali.
 
Roma, 4 marzo 2010              
 

RR.SS.AA. FIT-CISL UILT  UGLTRASPORTI  ANPAV