Burkina Dal sito del Ministero degli Afari Esteri – www.viaggiaresicuri.it

FAN: “PREVIDENZA” Conmunicato stampa
7 Agosto 2007
I fase procedura di raffreddamento agosto 2007 Avvicendamenti BUE
30 Agosto 2007

Burkina Dal sito del Ministero degli Afari Esteri – www.viaggiaresicuri.it

 

Dal 1.8.2007 – A coloro che dovessero recarsi nel Paese si consiglia di contattare immediatamente all’arrivo l’Ambasciata d’Italia ad Abidjan o il Vice Consolato Onorario a Ouagadougou attenendosi ai suggerimenti forniti e di registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare nel sito: www.dovesiamonelmondo.it.
Dal 1 gennaio al 7 aprile 2007, le Autorità sanitarie locali hanno notificato, nel Paese, 22 255 casi sospetti di meningite con 1490 decessi.  Le Autorità sanitarie locali continuano ad adottare tutte le misure di prevenzione necessarie per controllare il diffondersi dell’epidemia.
Visto di ingresso: obbligatorio; da richiedere presso le Autorità diplomatico/consolari del Burkina Faso presenti in Italia. Il visto non può essere ottenuto al momento dell’arrivo nel Paese in aeroporto. Il visto non è necessario per i titolari di passaporto diplomatico e/o di servizio per soggiorni inferiori ai 90 giorni.
Vaccinazioni obbligatorie: febbre gialla.
Formalità valutarie e doganali: euro e dollaro USA non sono accettati ma sono facilmente convertibili. Le carte di credito possono essere utilizzate solo in alcune banche e in qualche albergo di Abidjan. Se ne consiglia un uso limitato a causa di possibili frodi. L’accettazione dei travellers cheques è limitata, mentre non ci sono limitazioni per le valute straniere.
E’ necessaria un’autorizzazione per l’esportazione di oggetti di antiquariato.
Sicurezza
Il livello di sicurezza in Burkina Faso è in generale buono. Non esistono zone a maggiore o minore rischio. Si continuano tuttavia a registrare atti di banditismo contro veicoli sugli assi stradali che collegano Bobo Dioulasso alla Costa d’Av…
Il livello di sicurezza in Burkina Faso è in generale buono. Non esistono zone a maggiore o minore rischio. Si continuano tuttavia a registrare atti di banditismo contro veicoli sugli assi stradali che collegano Bobo Dioulasso alla Costa d’Avorio, Fada N’Gourma al Benin e al Togo, Ouagadougou a Niamey (Niger) e, con maggiore frequenza, episodi di banditismo sull’asse Ouagadougo – Po verso il Ghana. Si sconsigliano quindi i viaggi lungo questi assi. Nel caso di necessità, si consiglia comunque di viaggiare in convoglio, a velocità moderata facendo attenzione ad ogni elemento che potrebbe far pensare ad un’imboscata (persone lungo la strada che cercano di fermarvi, pietre o ostacoli sulla strada, etc.).

Avvertenze:
si consiglia di rispettare le leggi locali. Si sconsiglia in generale di effettuare lunghi spostamenti da soli o nelle ore notturne.  Nelle zone urbane (specie nei mercati di Ouagadougou e Bobo-Dioulasso) sono più elevati i rischi di scippi e furti. Il rischio di attacchi terroristici nel Paese è basso.
Normativa locale prevista per uso e spaccio di droghe (leggere o pesanti): il consumo di cannabis e di altre droghe costituisce reato e viene punito con pene detentive fino a sei mesi.
Normativa locale prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori: per quanto riguarda la legislazione della protezione dei minori, esiste una normativa specifica: gli atti osceni sono puniti con la detenzione da 6 mesi a 3 anni; – gli atti di libidine nei confronti dei minori sono puniti con la detenzione da 2 a 10 anni; – la violenza carnale viene punita con una pena che può variare dai 15 ai 30 anni. Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione), secondo la legge italiana, vengono perseguiti al rientro in Italia.
In caso di problemi con le autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia di informare l’Ambasciata per la necessaria assistenza.
Situazione sanitaria
Alcune strutture sanitarie private presenti a Ouagadougou sono, nel complesso, di buona qualità e a costi accessibili. Le condizioni igieniche sono insufficienti e le strutture sanitarie di basso livello. Si raccomanda di stipulare, prima di i…
Alcune strutture sanitarie private presenti a Ouagadougou sono, nel complesso, di buona qualità e a costi accessibili. Le condizioni igieniche sono insufficienti e le strutture sanitarie di basso livello. Si raccomanda di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre la copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario d’emergenza o il trasferimento in altro Paese. Sono numerose le malattie endemiche, soprattutto nelle zone rurali (colera, tifo, tubercolosi ecc.). La malaria è estesa su tutto il territorio e in alcuni casi è particolarmente grave e resistente al clorochinino. La profilassi, previo parere medico, è consigliata anche se non efficiente nella totalità dei casi, motivo per cui sono necessarie misure di precauzioni. Si consiglia prima del viaggio di consultare un medico esperto in medicina tropicale e di munirsi di medicine atte a combattere con efficacia la malaria nel caso di infezioni (Riamet).
Si consigliano in ogni caso, previo parere medico, le vaccinazioni contro meningite (di cui persiste un’epidemia annuale ricorrente), epatite A e B, tetano e morbillo (endemico in Niger). Diffuso l’AIDS, specie tra la popolazione giovanile e negli ambienti urbani.

AVVERTENZE
Si consiglia di: -evitare di mangiare cibi crudi; -lavare e disinfettare accuratamente frutta e verdura; bere acqua e bibite in bottiglia, senza aggiungere ghiaccio. Durante le ore serali e notturne all’aperto, si consiglia di fare uso di prodotti repellenti e di indossare abiti che coprano la maggior parte del corpo. Esiste un discreto numero di farmacie nella capitale Niamey, provviste soprattutto di medicinali francesi. Si consiglia, comunque, di arrivare nel Paese muniti di medicinali essenziali.
Influenza aviaria: evitare il contatto con volatili ed uccelli. Evitare di recarsi nei relativi mercati e allevamenti.
Situazione climatica
tipicamente saheliano caratterizzato da un’unica breve stagione delle piogge che va da giugno a settembre, quando la temperatura media è di circa 30 gradi. Nei mesi di ottobre e novembre la temperatura aumenta mentre il clima si fa più secco. I mesi di dicembre e gennaio sono caratterizzati dall’Harmattan (vento del deserto): sono possibili tempeste di sabbia, la temperatura diminuisce considerevolmente, soprattutto nelle ore notturne. Da febbraio a maggio il clima è sempre più secco e le temperature sempre più elevate fino a raggiungere i 40/45 gradi nei mesi di aprile e maggio. Si consigliano abiti leggeri e freschi.