CAUSA MATERNITÀ: Anche la Corte di Appello di MILANO conferma il comportamento discriminatorio di INPS ai danni delle “hostess”

Resoconto inconto del Comitato Amministratore ‘FSTA’
25 Gennaio 2021
Alitalia – FNTA: Comunicato Stampa
28 Gennaio 2021

CAUSA MATERNITÀ: Anche la Corte di Appello di MILANO conferma il comportamento discriminatorio di INPS ai danni delle “hostess”

La Corte di Appello di Milano (MI) ha finalmente confermato il comportamento discriminatorio di INPS ai danni di una assistente di volo – mamma che ha percepito, in occasione di un periodo di astensione dal lavoro per maternità, importi significativamente più bassi rispetto a quelli dovuti.
Questa vittoria si aggiunge al risultato positivo già registrato presso la Corte di Appello di Venezia e conferma quanto stabilito in primo grado nei numerosi tribunali italiani.
Particolare rilievo hanno inoltre le numerose sentenze di primo grado emesse dal Tribunale di Civitavecchia (RM), sede giudiziaria interessata dal maggior numero di ricorsi (tante sono le
mamme ALITALIA): queste infatti costituiscono precedenti favorevoli per il prosieguo del percorso legale che, come noto, può prevedere diversi gradi di giudizio.
La specifica impostazione del ricorso che ha consentito a circa 100 associate ANPAV di estendere la legittima rivendicazione ad un periodo pregresso di 10 anni (rispetto alla canonica prescrizione annuale osservata in ricorsi di analoga tipologia ma impostati secondo principi diversi) continua a registrare vittorie restituendo parità e dignità alle “mamme hostess”che quotidianamente affrontano una già difficile gestione dei neonati.
ANPAV – Associazione Nazionale Professionale Assistenti di Volo – supportata dallo Studio  legale Martucci & Associati, nella persona dell’Avv. Andrea Mario Martucci, stanno consolidando, sentenza dopo sentenza, il risultato atteso.
La peculiarità lavorativa non sarà più appesantita da inspiegabili penalizzazioni economiche.

ADERISCI ANCHE TU ALLA VERTENZA SE HAI FIGLI DI ETÀ INFERIORE A 10: PER LE ASSOCIATE LA VERTENZA COSTA 50 EURO.
NON SONO PREVIST I “COSTI PERCENTUALI ULTERIORI” IN CASO DI VITTORIA

PER INFO: LOREDANA NOCITO 347 8165587

ANPAVMaternitàVittoriaDiscriminazione3