CIGS e Patto di Servizio – aggiornamenti

“PATTO DI SERVIZIO”: ulteriori informazoni. Ad integrazione del percorso da intraprendere dai colleghi CIGS.
29 Gennaio 2009
Contratto Alitalia/CAI
2 Febbraio 2009

CIGS e Patto di Servizio – aggiornamenti

Gent. Colleghe/i,
di seguito,  a rettifica e chiarimento, tutta una serie di informazioni emesse con comunicato INPS.
 
Ci scusiamo per avervi fornito in alcuni casi informazioni in contrasto tra loro, tuttavia la materia e tutto il processo CIGS è nuovo anche per l’Ente- Inps e lo stesso Governo.
 
Quest’ultimo si è impegnato, come recita anche il punto IX dell’Accordo Quadro, a fornire deichiarimenti (che al momento non abbiamo ancora ottenuto) relativamente alla specificità/ peculiarità dello stato di cassaintegrato per il personale del Trasporto Aereo,  soprattutto alla luce di varie circolari emesse che non chiariscono i dubbi su varie tematiche di INTERESSE.
 
A solo titolo esemplificativo:
“La circolare INPS n. 73 dell’11 luglio 2008 stabilisce che il lavoratore potrà godere della possibilità di cumulare, anche parzialmente, il reddito da lavoro con il trattamento di integrazione salariale percepito.”
 
L’Associazione per conto e in nome dei propri Associati e per i lavoratori tutti necessita  di chiarimenti specifici.
 
Le informazioni fornite dalle sezioni/uffici INPS di Roma sono da considerarsi in linea di massima valide per l’intero territorio nazionale.
 
Tuttavia, c’è un gap informativo a svantaggio delle sedi periferiche che potrà essere colmato solo con il trascorrere di qualche giorno.
 
PATTO DI SERVIZIO:
Relativamente al “Patto di Servizio”, l’INPS comunica che tutti i lavoratori in CIGS devo sottoscrivere il patto di servizio – legge 166/08 – presso il Centro per l’Impiego della propria circoscrizione.
 
Non deve essere consegnata alcuna copia del patto di servizio all’INPS.
 
Ciò viene ad essere in palese contraddizione con quanto l’Inps ha comunicato ad una delegazione ANPAV ( e l’Associazione ha a sua volta divulgato la notizia). Il processo è, come già anticipato sopra, in divenire e quindi alcuni passaggi sono stati aboliti  – ad es. consegna personale della copia del patto di servizio alla sede Inps EUR –  perché da ora in poi avverranno per via telematica.
 
Vi preghiamo quindi di prendere in considerazione esclusivamente l’informativa “PATTO DI SERVIZIO” (inviata agli iscritti su mail e presente sul sito www.anpav.com  nella sezione CIGS).
 
Non vi è al momento un termine per la sottoscrizione del succitato patto; la non sottoscrizione dello stesso al momento non sospende la corresponsione del trattamento di CIGS né quello derivante dal Fondo di Sostegno.
 
CIGS:
 
Relativamente al pagamento della CIGS ed agli insostenibili ritardi che si stanno verificando, l’INPS ha comunicato che:
 
Il pagamento della CIGS viene effettuato con trattamento mensile dalla sede di Roma Eur previa trasmissione da parte della Società Alitalia di files telematici contenenti i dati di tutti quei lavoratori posti in CIGS in quel periodo.
 
Alla data dell’informativa INPS (21/01/2009) risultavano trasmessi e quindi erano agli atti i soli dati relativi al periodo 14/10/2008 – 31/10/2008; le prestazioni relative a tale periodo sono state già erogate durante il mese di dicembre ’08 per circa il 70%dei lavoratori. Il personale di Volo di Alitalia Linee Aeree Italiane verrà pagato nel corso del mese di gennaio (2009).
 
L’Ente è inattesa della comunicazione dei files relativi ai mesi novembre e successivi (ci risulta che i files relativi a novembre siano stati trasmessi la scorsa settimana).
 
La stessa società Alitalia si è impegnata formalmente, in un incontro tenutosi con l’Ente in data 20 u.s. a fornire entro i primi di  febbraio i files relativi a dicembre 2008.
 
L’INPS comunicava/chiariva che il pagamento del Fondo trasporto aereo per il raggiungimento delln80% verrà sempre erogato dalla sede Roma EUR e sarà così corrisposto:
·         trattamento di cassa integrazione che ha un tetto massimo di Euro 1031 lordi;
·         trattamento integrativo del fondo di trasporto aereo (fino al raggiungimento dell’80% lordo della retribuzione… – abbiamo fornito in precedenza comunicazioni nello specifico: v.di  “Riunione Fondo di Sostegno al Reddito” nella sezione CIGS del sito www.anpav.com) che ha autorizzato l’erogazione con  delibera  in data 20/01/2009.
Per ciò che concerne istituti di natura assistenziale (L.104, malattia, maternità, assegni familiari, ecc.) il riferimento da tenere in considerazione è il messaggio INPS sintetizzato di sotto e scaricabile interamente al sul sito dell’INPS.
Con il messaggio n. 28449 del 2008, l’Inps fornisce alcuni chiarimenti in merito alla competenza delle prestazioni previdenziali per i dipendenti Alitalia.
In particolare, all’Ipsema spetta l’erogazione delle prestazioni economiche di malattia e maternità (oltre all’accertamento e alla riscossione dei contributi), mentre all’Inps spettano le prestazioni relative a mobilità, Cigs, Ivs, Cuaf.
Qualora il lavoratore sia in malattia egli:
– continuerà a godere della Cigs se già ne usufruisce, senza dover comunicare lo stato di malattia;
– beneficerà della Cigs, qualora l’inizio dello stato di malattia sia precedente e la sua unità lavorativa sia interamente sospesa dall’attività;
– beneficerà della malattia qualora l’inizio dello stato di malattia sia precedente e la sua unità lavorativa non sia interamente sospesa dall’attività.
Per i lavoratori sospesi in maternità, prevale quest’ultima sul trattamento straordinario di integrazione salariale. E l’astensione è obbligatoria in ogni caso.
I lavoratori in Cigs non godono di permessi. Mentre per i lavoratori a orario ridotto, i diritti maturano in proporzione alle ore lavorate. Gli assegni al nucleo familiare sono corrisposti, di competenza dell’Inps, con l’integrazione salariale, sulla base delle dichiarazioni che il lavoratore ha reso al datore di lavoro.
Le indennità di malattia o maternità saranno corrisposte, a partire dal 1° gennaio, dalle singole sedi Inps.
In caso di variazione di coordinate bancarie, le stesse vanno effettuate sempre al d.d.l. (datore di lavoro).
 
Nel caso di lavoratori il cui assegno busta paga era decurtato per assegno alimenti alla ex moglie, lo stesso può valere anche per la CIGS, a condizione che  sulla sentenza di separazione o di divorzio sia indicato chiaramente che il pagamento deve essere effettuato dal datore di lavoro. 
 
L’Anpav sta verificando l’intero pacchetto leggi, circolari e messaggi INPS che regolano il personale in CIGS.
 
Rimaniamo a disposizione per informazioni alla mail infocigs@anpav.com e presso la nostra sede.
 
Roma, 31 gennaio 2009
ANPAV