EMERGENZA GIAPPONE: RITORNA LA SOSTA A TYO? RICHIESTE D’INCONTRO INVIATE AD ENAC, ALITALIA CAI ED U.S.L. RM /D

Nuova Deroga voli da/per Giappone
6 Aprile 2011
AIR ALPS – Risposta aziendale
12 Aprile 2011

EMERGENZA GIAPPONE: RITORNA LA SOSTA A TYO? RICHIESTE D’INCONTRO INVIATE AD ENAC, ALITALIA CAI ED U.S.L. RM /D

Nelle ultime settimane ed in particolare nei giorni scorsi, sono state attivate dalle nostre Segreteria Nazionale/Presidenza, una serie di iniziative di tutela che sono senza precedenti nella storia sindacale.
I fatti accaduti in particolare dopo il terremoto giapponese e la conseguente fuoriuscita di radiazioni oltre alla continua mancanza di riscontri da parte dell’autorità Giapponese che ci sembra abbia sempre minimizzato i fatti, hanno determinato stati di preoccupazione ed ansia del tutto giustificati tra i lavoratori che sono interessati dalle operazioni soprattutto in quel territorio.
In particolare vogliamo socializzare, ed in tal senso alleghiamo alla presente comunicazione le note inviate a tutti gli Enti interessati, quanto abbiamo fatto in attesa che le Istituzioni preposte nel breve provvedano alla convocazione.
Notizia non ancora ufficiale ma crediamo attendibile è che nelle prossime ore dovrebbe riprendere il normale operativo sulla direttrice per TYO e siamo quantomeno perplessi per la mancanza di risposte soprattutto a fronte della innumerevole quantità di richieste e denuncie che abbiamo inviato ad ogni livello.
Non siamo certamente in grado di confutare o meno i dati o le rilevazioni che non conosciamo, ma siamo certamente titolati ad esprimere ancora una volta il nostro rammarico e la nostra contrarietà per come l’intera vicenda è stata gestita e che dovremo ricevere ogni informazione tecnica utile alla comprensione e alla condivisione che la situazione è sicura e che il personale in sosta non corre alcun rischio.
Ricordiamo che l’azienda è obbligata a garantire ai suoi lavoratori il massimo livello di sicurezza e di salute e pertanto siamo certi che, se sarà presa la decisione di tornare a TYO, questa sarà frutto di valutazioni aziendali certe e indiscutibili.
Dal nostro punto di vista, attendiamo senza ulteriori ritardi una convocazione da parte di ENAC e del Ministero della Salute.
Chiariamo che in mancanza di un riscontro, attiveremo ogni iniziativa idonea alla salvaguardia degli interessi della nostra Categoria.
Roma, 7 aprile 2011
RSA FIT CISL – ANPAV

10pt”>___________

 
Roma 6 Aprile 2011
 
A:      ENAC
Att.ne Vice Direttore Generale
Ing. B. Marasà
 
Viale Castro Pretorio, 118 – 00185 Roma
fax +39 06 44596311
 
Oggetto:Richiesta incontro urgente per problematica su tutela della sicurezza del Personale Navigante sui voli con direttrice Giappone operati dalla Soc. Alitalia/CAI.
 
In seguito all’emergenza nucleare in atto in Giappone, il personale navigante di Alitalia/CAI che ha operato e che tutt’oggi sta ancora operando sugli aeromobili provenienti e diretti verso tale
Nazione, è sottoposto ad una esposizione a radiazioni nucleari presenti nell’ambiente in tutto il
Giappone.
 
Tale esposizione a livelli di radiazioni che possono essere pericolosi e gravemente nocivi per la
salute di tale personale, si somma alla dose di radiazioni ionizzanti alla quale il personale aeronavigante è esposto durante il volo, secondo quanto disposto dal Dlgs 241/2000 e dal Dlgs
81/08, tale personale deve essere sottoposto a sorveglianza medica ed a protezione sanitaria
specifica.
 
A distanza di oltre venti giorni dall’inizio dell’emergenza nucleare in Giappone, nonostante le nostre ripetute richieste, la Soc. Alitalia/CAI non ha fornito alcun dato oggettivo sulle rilevazioni eventualmente effettuate sul Personale Navigante, né ha pubblicato alcun dato di queste rilevazioni ai lavoratori.
 
Il Personale è fortemente preoccupato per la propria salute e sicurezza e l’atteggiamento poco
trasparente, non collaborativo e preoccupante mostrato sino ad ora dall’azienda non fa altro che aumentare l’ansia e legittimare le preoccupazioni.
 
Nella nostra veste di rappresentanti dei lavoratori e di parti sociali, in considerazione della gravità e delicatezza della situazione, richiediamo un Vostro qualificato intervento e al contempo Vi richiediamo un urgente incontro in merito.
 
Distinti Saluti
 
Dipartimento Nazionale / Segreteria Nazionale
 
FIT CISL – ANPAV
__________
 
Roma 6 Aprile 2011
 
A:      Gruppo Alitalia/CAI – AirOne
 
Dir. Risorse Umane
Dott. G. Distefano
 
Dir. Relazioni Industriali
Dott. G. Depaoli
 
Relazioni sindacali
Dott. A.Cuccuini
 
Responsabile Sicurezza
Dott. A.Catena
 
Medico Competente
Dott. A. Ricciardi Tenore
 
Oggetto:Richiesta incontro urgente per problematica Giappone.
 
Con riferimento a quanto già discusso nelle riunioni del 23 marzo e 5 aprile u.s. circa le rilevazioni effettuate sugli equipaggi/aeromobili dei voli che hanno operato, e che tutt’oggi, stanno operando con direttrice Giappone, le Scriventi sono a richiedervi un urgentissimo incontro e la consegna e pubblicazione dei dati delle rilevazioni effettuate sul Personale Navigante che ha operato tali voli.
 
Sul suddetto Personale Navigante deve essere effettuata la sorveglianza sanitaria, con lo scopo di fornire adeguate informazioni e vigilanza sulla salute e sicurezza del PNC impiegato per tali
avvicendamenti.
 
Distinti Saluti
 
Dipartimento Nazionale / Segreteria Nazionale
FIT-CISL ANPAV
_________
 
Roma, 06 Aprile, 2011
 
A:        Spett. U.S.L. RM /D S.Pre.S.A.L.
SERVIZIO PREVENZIONE SICUREZZA E IGIENE
NEI LUOGHI DI LAVORO
Via delle Repubbliche Marinare s.n.c
Fax: 06 56483420
 
Oggetto: Richiesta d’intervento presso la Società Alitalia/CAI per verifica misure di sicurezza e di tutela dei lavoratori, così come da Dlgs 81/08 e da Dlgs 241/2000 e dall’attuale normativa, rispetto ai livelli di contaminazione nucleare degli aeromobili e delle persone provenienti dal Giappone.
 
In seguito all’emergenza nucleare in atto in Giappone, il personale di Alitalia/CAI che opera in
qualità di personale di volo e quello che opera la manutenzione a terra degli aeromobili provenienti da tale Nazione, secondo quanto disposto dal Dlgs 241/2000 e dal Dlgs 81/08 devono essere sottoposti a sorveglianza medica ed a protezione sanitaria specifica.
 
Dal momento che il personale di volo è già sottoposto all’esposizione di radiazioni ionizzanti
durante lo svolgimento della propria consueta attività di lavoro, e dal momento che per esigenze di servizio deve sostare in territorio giapponese per circa 24 o 36 ore, il dosaggio di radiazioni individuali annuale si va a sommare alle eventuali radiazioni di origine esterna a cui potrebbero essere sottoposti , senza dimenticare che gli aeromobili stessi ed anche le merci trasportate potrebbero essere contaminati.
 
Per il Dlgs. 81/08 il datore di lavoro, i dirigenti ed i preposti devono assicurare l’abbattimento
derivante da rischio sanitario ai lavoratori ed agli individui.
 
Tale protezione sanitaria sul Personale Navigante impiegato nei voli da e per il Giappone, non
risulta che sia stata svolta, se non in modo parziale ed incompleto, tant’è che non sono mai stati adottati strumenti di dosimetria individuali per la valutazione della dose assorbita dal corpo intero dei lavoratori esposti, come nemmeno rilevatori ambientali sugli aeromobili che effettuano tali rotte, né tantomeno sembra che sia stata effettuata la sorveglianza sanitaria su detto Personale.
 
Le scriventi, nell’arco di oltre venti giorni dall’inizio dell’emergenza nucleare in Giappone, sono
state convocate in due incontri, nei quali non erano presenti nè il medico competente, né l’esperto qualificato, in tali incontri hanno richiesto di rendere pubblici i dati oggettivi delle eventuali rilevazioni effettuate sul Personale Navigante e del programma di monitoraggio del livello di eventuale contaminazione degli aeromobili e del personale interessato.
 
L’azienda ha posto un netto rifiuto alla pubblicazione dei suddetti dati al Personale Navigante, né tantomeno alle scriventi Organizzazioni Sindacali, legittimando in questo modo tutte le preoccupazioni e le forti riserve e perplessità sul corretto operato dell’azienda Alitalia in merito agli obblighi di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori.
 
Per quanto sopra esposto, le Scriventi richiedono un Vostro, urgente, qualificato intervento, nei confronti della Soc. Alitalia/CAI per verificare l’applicazione delle previsioni normative contenute nel Dlgs. 81/2008 integrato dal Dl.106/2009 in materia di tutela di salute e sicurezza dei lavoratori nella sua più alta accezione e con specifico riferimento alla esposizione alle radiazioni nucleari a cui è sottoposto il Personale Aeronavigante affinché sia possibile assicurare a tale personale che in futuro non potranno esserci gravi conseguenze sulla salute.
 
Distinti Saluti.
 
RR.SS.AA. FIT CISL – ANPAV