Lettera inviata a CAI

Notizia priva di fondamento. ANPAV smentisce false notizie stampa.
16 Settembre 2008
Comunicato del Presidente ANPAV
20 Settembre 2008

Lettera inviata a CAI




         Spett.li

CAI –  Presidente  Ing. Colaninno

ALITALIA – Commissario Straordinario Prof. Fantozzi

Ministro dell’Economia – On. Tremonti

Pc:     Presidenza del Consiglio

 

Partendo dalle posizioni sino ad ora espresse da tutte le Organizzazioni Sindacali e Associazioni Professionali in merito ai contenuti del negoziato fin qui svolto, con la presente le Scriventi intendono notificare l’interesse e la disponibilità all’identificazione di un accordo sulle condizioni contrattuali delle categorie dei Piloti, degli Assistenti di volo e del Personale di terra, certi che gli obiettivi di produttività e flessibilità esposti dai Rappresentanti CAI possano essere raggiunti e condivisi.

Riteniamo inoltre percorribile nel merito e attraverso una serrata negoziazione la ricerca di una revisione della struttura retributiva tale da consentire “l’invarianza” delle condizioni retributive in presenza di un aumento contrattato della produttività. Cosi come più volte dichiarato in questi giorni dal  Presidente del Consiglio, da esponenti del Governo e dal Dott. Sabelli di Cai; dichiarazione però smentita fino ad oggi dai contenuti concreti delle proposte CAI/Ministero del Lavoro.

A tal fine chi scrive ha già identificato proposte di merito che consentono il raggiungimento degli obiettivi proposti da CAI per ogni categoria interessata: Personale di terra;  Assistenti di volo; Piloti.

Naturalmente, a giudizio delle Scriventi l’intesa può essere raggiunta attraverso un negoziato, seppur in tempi brevissimi, ed inserita in un quadro di contratti nazionali relativi a  ciascuna categoria, sul modello di quelli che vedono la sottoscrizione di Confindustria, negoziati e sottoscritti dalle Organizzazioni Sindacali e Associazioni Professionali maggiormente rappresentative nell’ambito delle singole categorie.

In subordine, le Scriventi notificano fin da ora la disponibilità a sottoscrivere i tre Contratti Collettivi di Lavoro applicati agli addetti di una delle Compagnie Europee di riferimento (come ad esempio Lufthansa, Air France o Iberia) opportunamente decurtati nella parte economica, certi che l’interesse per il raggiungimento di una più ampia intesa che consenta il rilancio della nuova Alitalia sia prevalente, per le Scriventi e per CAI, rispetto a qualsiasi strumentalizzazione di ordine ideologico e politico, quali quelle che hanno inevitabilmente invaso il campo di questa difficile e drammatica fase.

Anche con l’obiettivo di cogliere in pieno tutte le opportunità offerte dal mercato ed alla luce del favorevole trend del prezzo del carburante, ad oggi di oltre il 30% inferiore a quanto ipotizzato nel Piano CAI, in caso dell’auspicato raggiungimento di un accordo complessivo sui temi di merito tra le Scriventi e CAI, si determinerà l’implementazione del Piano Industriale nella parte inerente il dimensionamento degli organici necessari all’operatività dell’Impresa. Conseguentemente CAI, Governo, Organizzazioni Sindacali e Associazioni Professionali condivideranno i criteri di gestione degli esuberi ottimizzati secondo le esigenze di ciascuna categoria. In questo modo si renderà attuabile il positivo coinvolgimento dei dipendenti nel progetto di rilancio della nuova Alitalia, filosofia più volte richiamata dal Presidente della società CAI.

Rendendoci immediatamente disponibili ad una eventuale convocazione in sede aziendale rimaniamo in attesa di riscontro e comunichiamo il successivo urgente invio delle nostre proposte relative alle condizioni contrattuali delle tre categorie.

 

Roma, 18 settembre 2008

 

FILTCGIL – ANPAC – UNIONE PILOTI – ANPAV – AVIA – SDL  Intercategoriale