Si vendono i posti di riposo Crew volantino congiunto ANPAV AVIA

Comunicato Stampa su Accordo Uiltrasporti e Anpav hanno scongiurato al fotofinish i licenziamenti
1 Aprile 2009
AIDA e nuovo orario biglietteria Staff FCO
6 Aprile 2009

Si vendono i posti di riposo Crew volantino congiunto ANPAV AVIA

PROGETTO PEOPLE CARE:
Vendiamo i posti riposo
 
La sorprendente decisione aziendale di mettere in vendita i posti di riposo crew su alcune tratte intercontinentali è inaccettabile.
La totalità dei vettori europei prevede posti di riposo su tutti i voli superiori alle otto ore.
Le nostre normative aziendali prevedono inoltre che, durante tutta l’attività di lungo raggio, ci sia una rotazione di turni di assistenza/riposo con un rapporto ciclico del 50%. Dove va questa gente?
Proprio coerente con il People Care e la ricerca di dialogo diretto con la categoria. C’era bisogno di ‘ingaggiare’ rilevatori esterni per effettuare un’indagine di clima ?
Non si tratta ovviamente dell’unica problematica esistente, tante, troppe le questioni ancora aperte.
Tra le più odiose c’è quella delle recenti assunzioni, che hanno escluso molte lavoratrici madri..
Che dire poi di basi e settori di impiego,  un vero e proprio ‘pasticciaccio brutto’, che rischia di sedimentare, generando profonde lacerazioni nel tessuto produttivo e sociale della categoria, con erronee assunzioni e conseguenti passaggi da lungo a medio raggio, il tutto sulla pelle della gente.
Restano inoltre irrisolte alcune problematiche di notevole rilevanza sociale, come il tema dell’esonero notturno, che sta fortemente incidendo sulla vita di decine di colleghe, impossibilitate oramai a conciliare la tutela dei propri figli piccoli con l’attività lavorativa.
A fronte di tutto ciò ci saremmo aspettati maggiore buon senso, con l’avvio di un costruttivo dialogo, quantomeno per attenuare gli effetti di scelte palesemente erronee, dettate dall’urgenza, ma che dimostrano quotidianamente di non funzionare generando un diffuso risentimento.
Il clima non è buono e prima che diventi ingestibile sarebbe ora che, in azienda, qualcuno di buona volontà e buon senso affronti i problemi sul tappeto, che sono tanti e spinosi, magari fermando chi continua a generarne di nuovi.
Sul tema dei posti di riposo le nostre RSA, congiuntamente, hanno oggi avviato la prima fase della procedura di raffreddamento che, in assenza di soluzione, ci porterà a dichiarare il nostro primo sciopero nell’era CAI.
                                                                                    
RSA ALITALIA
ANPAV  –  AVIA
                                     
Roma, 2 aprile 2009