Verbale di Accordo PNC

Pagamento crediti in pre-deduzione
26 Febbraio 2010
UN ACCORDO DI GARANZIA L’AZIENDA COSTRETTA A TORNARE INDIETRO DAI SUOI PROPOSITI
1 Marzo 2010

Verbale di Accordo PNC

Riportiamo di seguito “Verbale di accordo PNC” siglato in data 26 febbraio c.m..
Seguirà a breve un commento sullo stesso.
 
Rimaniamo a disposizione per chiarimenti.
 
Roma, 27 febbraio 2010
 
ANPAV
_______
VERBALE DI ACCORDO
 
In data 26 febbraio 2010 si sono incontrate ALITALIA – Compagnia Aerea Italiana S.p.A, le Organizzazioni Sindacali FIT – CISL, UILTRASPORTI, UGLTRASPORTI, e l’Associazione Professionale ANPAV, con specifico riferimento alla categoria PNC.
1.    Turnazione:
le Parti condividono di avviare una serie di incontri, a partire dal prossimo mese di marzo, a carattere informativo, volti ad esaminare e riscontrare l’andamento ex ante/ex post dei principali indicatori di turnazione (es: distribuzione per durata, in giorni, degli avvicendamenti, distribuzione dell’attività sul turno, ecc.); i dati in oggetto saranno esclusivamente di carattere collettivo e su base aggregata.
A fronte di incidenza variabile dei cosiddetti “avvicendamenti travasabili”, nelle basi di servizio, l’Azienda fornirà specifiche informazioni circa l’entità degli stessi e la funzionalità delle modalità di gestione.
Con riferimento al nuovo sistema Alis, le Parti ravvisano l’opportunità di esaminare, a livello tecnico, le logiche ed i meccanismi di funzionamento, in rapporto alla qualità complessiva della gestione operativa e di ottimizzazione dell’impiego delle risorse.
Rispetto ai turni estensibili, l’Azienda, nell’ambito della propria autonoma responsabilità, assume l’impegno a prevedere un incidenza più contenuta di tale tipologia di avvicendamenti, prendendo a riferimento una quota  media pari al 4%.
2.    Basi di servizio:
 
·         in applicazione di quando condiviso nell’ambito degli accordi del 19 febbraio 2009 e 13 marzo 2009, l’Azienda indica che, entro il prossimo mese di Aprile, saranno oggetto di trasferimento tra le basi circa n. 20 risorse, compatibilmente con le esigenze tecniche ed organizzative;
·         l’Azienda conferma che n. 30 risorse appartenenti alle Società del Gruppo saranno oggetto di trasferimento presso la base di servizio di Roma. Il trasferimento sarà operato dalla base di Milano. Potranno essere operati trasferimenti da altre basi periferiche, compatibilmente con le esigenze produttive ed organizzative.
  1. Phase out B737:
con riferimento al programma di phase out, attualmente previsto, dall’aeromobile di tipo B737, le Parti si danno atto che il PNC sarà impiegato sugli aeromobili della flotta Alitalia – Compagnia Aerea Italiana S.p.A..
Al fine di garantire una disciplina contrattuale univoca al PNC impiegato su tali aeromobili, l’Azienda conferma che i rapporti di lavoro del personale interessato attualmente in capo ad Air One, saranno oggetto di cessione individuale di contratto in favore di Alitalia – Compagnia Aerea Italiana S.p.A., in analogia con le condizioni applicate in occasione del recente trasferimento collettivo di personale (Art. 2112 C.C.), con riconoscimento, quindi, a titolo esemplificativo e non esaustivo, dell’anzianità di servizio maturata presso Air One, e di un trattamento retributivo individuale non inferiore a quello precedentemente spettante sulla base della qualifica e del grado, dell’anzianità possedute alla data del passaggio.
  1. Riduzione orario di Lavoro:
  • Solidarietà Espansiva: con riferimento a quanto già definito,  nell’ambito degli accordi del 19 febbraio 2009, 26 giugno 2009 e 28 luglio 2009, le Parti confermano che nell’ultimo trimestre del corrente anno verranno verificate le condizioni di natura tecnica ed organizzativa per un’eventuale estensione ad un ulteriore quantitativo di risorse, individuato su base volontaria;
  • Part – time: l’Azienda valuterà, sulla base delle esigenze produttive ed organizzative, la possibilità di accogliere eventuali domande di part-time verticale, qualora le condizioni operative lo rendessero possibile.
 
  1. Malpensa – smart carrier:
Il Gruppo Alitalia – Compagnia Aerea Italiana S.p.A., al fine di acquisire nuove quote di mercato, con specifico riferimento al segmento leisure dell’area del Nord Italia, individua nell’iniziativa in esame, concentrata su Malpensa, un’opportunità di sviluppo, con un modello specifico tale da consentire una maggiore competitività di sistema ed un miglioramento delle condizioni di impiego (livello di volato mensile, avvicendamenti di tipo giornaliero, ecc.).
A fronte di quanto sopra, si evidenzia che le risorse saranno individuate sulla base della volontarietà ed, in subordine, alle esigenze tecniche ed organizzative, per juniority nell’ambito dell’anzianità individuata ai fini amministrativi nel contratto del 30 ottobre 2008 e successivi accordi, tra le risorse che risiedano nel area compresa in 50 chilometri dal sedime aeroportuale di Malpensa.
Resta inteso che i volontari saranno oggetto di trasferimento presso la base di Milano.
Al fine di minimizzare l’impatto sulle condizioni individuali del personale, sarà escluso da tale reperimento il personale che, alla data odierna, abbia formulato richiesta di trasferimento.
L’Azienda si dichiara disponibile a valutare positivamente eventuali adesioni volontaria successive alla data odierna, a scomputo delle risorse individuate sulla base dei criteri sopra esposti.
Al fine di garantire una disciplina contrattuale univoca, l’Azienda conferma che il personale interessato sarà, inizialmente fino al 31 dicembre 2011, oggetto di distacco presso la società Air One.  Eventuali richieste individuali di rientro dal distacco saranno valutate dall’Azienda sulla base delle proprie esigenze organizzative e produttive.
Resta inteso che, stante le esigenze organizzative, operative e di continuità strutturale del progetto Smart carrier, qualora nel corso del periodo di distacco si dovessero determinare opportunità di carattere professionale, tale personale non sarà escluso dal relativo coinvolgimento.
Le risorse interessate saranno chiamate a rispettare standard di servizio che contemplino l’effettuazione di servizi di bordo complementari e specifici servizi, quali promozione e vendite.
Entro tre mesi dalla data di start-up del progetto, le Parti si incontreranno al fine di valutare un’eventuale rimodulazione delle provvigioni corrisposte in relazione alle vendite di bordo.
  1. Riserva:
Ferme restando le diversificate specificità operative e gli ambiti di riferimento, l’Azienda conferma l’intendimento a porre in essere ogni misura al fine di addivenire ad un’equa distribuzione della riserva.
Con specifico riferimento alla riserva in aeroporto, le Parti precisano che, a decorrere dal prossimo mese di Maggio, per ogni giornata di riserva in Aeroporto, non utilizzata, sarà riconosciuta la diaria secondo la normativa contrattuale di cui all’Art. 17 del vigente CCL, sezione B, Assistenti di Volo.
  1. Contratti a termine:
Con riferimento all’eventuale necessità di reperire risorse da assumere con contratto a termine, l’Azienda le individuerà sulla base delle proprie esigenze organizzative, produttive e professionali, tenendo anche conto della durata della prestazione lavorativa a termine svolta presso le società, in A. S., Alitalia – Linee Aeree Italiane, Alitalia Express e Volare, Air One e Air One Cityliner. Ferme restando le logiche di reperimento di cui sopra, tale personale verrà pertanto ordinato sulla base dell’anzianità realizzata nei rapporti di lavoro intervenuti, a partire dal primo contratto nelle società predette.
 
Alitalia – Compagnia Aerea Italiana S.p.A.
 
FIT – CISL
UILTRASPORTI
UGLTRASPORTI
AN PAV

_______