Anpac-UP-Anpav-Avia-SdL stigmatizzano le cancellazioni giornaliere dei voli operate dalla Compagnia

INCONTRO SU SCIOPERO 25 NOVEMBRE
20 Novembre 2008
Differimento sciopero del 25 novembre
24 Novembre 2008

Anpac-UP-Anpav-Avia-SdL stigmatizzano le cancellazioni giornaliere dei voli operate dalla Compagnia




Anpac, Unione Piloti, Anpav, Avia e SDL Intercategoriale stigmatizzano le continue e numerose cancellazioni giornaliere operate da Alitalia, guidata dal Commissario Fantozzi, nonostante l’assoluta piena disponibilità di aeromobili efficienti, di equipaggi di volo completi e di addetti alla manutenzione, pulizia e caricamento. Questo immotivato stato di cose,  sta generando notevoli disservizi ai passeggeri ed un aumento esponenziale dei costi che avrà in futuro ripercussioni  pesanti sui diritti dei dipendenti e dei creditori.

Anche considerando le irregolarità del giorno 10 novembre, è incomprensibile che a tutt’oggi  Alitalia non sia riuscita a ripristinare la regolarità dell’operativo; in passato, in occasione di ogni sciopero la situazione si è sempre normalizzata in non più di 48 ore.

La cancellazione pianificata e immotivata da parte di Alitalia di un sempre maggior numero di voli e la forte e continua  strumentalizzazione dei lavoratori messa in atto dall’azienda potrebbero essere utilizzate per rallentare fino quasi al fermo totale l’intero sistema, per permettere un più fluido e meno rischioso subentro della CAI nelle attività di Alitalia.

Ancora una volta questa operazione, i cui danni sarebbero subiti principalmente da incolpevoli cittadini,  potrebbe godere del supporto dell’intero sistema politico, istituzionale e mediatico.

Anpac, Unione Piloti, Anpav, Avia e SDL Intercategoriale lanciano quindi un appello ai cittadini italiani affinchè non incorrano nell’errore di attribuire le responsabilità dei disagi e delle cancellazioni sui lavoratori di Alitalia che, al contrario di quanto pubblicamente diffuso, stanno combattendo  fin dall’inizio di questa drammatica vicenda responsabilmente per la propria azienda e per la sopravvivenza delle proprie famiglie, nonostante i continui ricatti ed ultimatum.

La storia dell’attuale vertenza Alitalia è profondamente diversa da quanto è stato raccontato sino ad oggi, auspichiamo una sempre maggior consapevolezza da parte dell’opinione pubblica affinchè si comprendano i meccanismi messi in atto da governo, istituzioni e parte del sindacato confederale (cisl, uil e ugl) su una partita che è diventata il terreno per fare prove generali utili a colpire chirurgicamente tutti gli altri settori del paese.

Le scriventi sigle sindacali continueranno a battersi contro questo sistema anche quando sarà esaurita l’azione devastante  verso i lavoratori di Alitalia. Ci porremo  al fianco delle altre realtà sindacali per impedire che vengano annullati i principi di rappresentatività e le tutele sociali e sindacali che sono di garanzia per il singolo lavoratore. Auspichiamo che lo stesso facciano gli altri sindacati autonomi e le altre associazioni professionali oggi presenti nel paese e solo per il momento non coinvolte direttamente.

Roma, 21 novembre 2008

ANPAC           UNIONE PILOTI            ANPAV               AVIA             SDL Intercategoriale