CI RISIAMO

ACCORDO: i punti di interesse per il PNC
5 Marzo 2011
COMUNICATO UNITARIO
10 Marzo 2011

CI RISIAMO

Eccoci qui a commentare nuovamente atti violenti , unilaterali e intimidatori da parte di un’
azienda ormai allo sbando. E’ notizia di oggi che tre colleghi la cui “colpa” e’ stata quella di aver rispettato gli accordi , sono stati sospesi cautelativamente dal servizio a tempo indeterminato.
In una fase di trattativa in procedura di mobilità , abbiamo spesso sottolineato l’ esigenza di una tranquillità operativa per portare avanti una trattativa complicata e difficile . In quest’ ottica abbiamo dato ufficialmente la Nostra disponibilità ad interrompere le azioni di protesta previste (sciopero) in cambio di ritiri di contestazioni e applicazione degli accordi vigenti così come previsti e firmati.
 
Sembra di essere tornati indietro nel tempo. Stessa politica gestionale con protagonisti diversi.
Almeno prima sapevamo che la strada era quella e che le forze da contrapporre a quella strategia non prevedevano collaborazione e unità di intenti. Per questo ci viene quasi da sottolineare la coerenza ( anche se del tutto discutibile ) della vecchia amministrazione.
Gli eventi dell’ ultimo periodo ci fanno pensare che l’ attuale gestione non sia stata in grado di
unire forze e persone accomunate da un unico obiettivo , qualunque esso sia. Ogni direzione
agisce senza coesione e collaborazione con le altre , le decisioni vengono prese in autonomia senza confronti chiarificatori.
 
Non possiamo accettare questo ennesimo atto intimidatorio. Non riteniamo sia possibile trattare in modo sano e condiviso , esuberi e procedure in un clima di terrore e con ostaggi sul tavolo.
 
Rigettiamo in pieno l’ operato di questa dirigenza e , pur consapevoli della gravità del
momento , richiamiamo tutti i lavoratori ad una totale coesione e rispetto delle norme vigenti.
Almeno finché non ci sarà un passo indietro da parte dell’ azienda.
 
Abbiamo dichiarato per il 4 aprile, 24 ore di sciopero su tutto il territorio nazionale del personale navigante Meridianafly. Mai come ora e’ necessaria l’ adesione di tutti i lavoratori, senza bandiere di basi , ex compagnie o quant’ altro. E’ in discussione il futuro lavorativo di molti lavoratori , ma un sindacato serio non si piega alle minacce e ai soprusi unilaterali.
MAI.
 
E un sindacato serio per avere forza ha bisogno di lavoratori seri che lo seguono nelle strategie e negli obiettivi.
 
La nostraforza siete voi e solo con voi possiamo uscire da questa agonia che sta portando ad una finelenta e inesorabile l’ esistenza di Meridianafly.
 
8 marzo 2011
Rsa Pnc Meridianafly
Filt-Cgil Fit- Cisl UliT Anpav Avia