Comunicato Stampa Presidente ANPAV Ancora titubanze sul destino dell’Alitalia

Accordo Parte Economica Dic. ’07
12 Dicembre 2007
Comunicato Stampa FAN
17 Dicembre 2007

Comunicato Stampa Presidente ANPAV Ancora titubanze sul destino dell’Alitalia

L’annuncio del rinvio al 18 dicembre del Consiglio di Amministrazione Alitalia e la mancata scelta del Governo in merito  al processo di privatizzazione Alitalia, stanno prorogando in modo inaccettabile la soluzione per un azienda che versa in stato comatoso. 

 

Un clima di forte incertezza, che si accompagna a vecchie logiche di veti incrociati tra gli stessi membri della compagine governativa, denotano il persistere di interessi più politici che generali, che rischiano di portare al sacrificio di un azienda vitale per gli interessi del Paese.

 

E’ ora quindi che chi è chiamato ad operare delle scelte lo faccia il prima possibile, perchè il tempo a disposizione è poco, e  soprattutto è necessario che la scelta tenga in dovuto conto la necessità di garantire, in primis, l’occupazione, il patrimonio professionale del personale e l’interesse alla mobilità dei cittadini. Il tutto in un quadro di disegno industriale di ampio respiro.

 

I continui rinvii su una scelta chiara , che abbia attentamente valutato i suddetti requisiti, è oggi la nostra principale preoccupazione, e riteniamo necessario che i responsabili istituzionali e aziendali, preposti a tale  scelta, escano da un pericoloso e deleterio ‘impasse’. 

 

Non è più possibile e tollerabile che sul destino del Gruppo Alitalia si possa ancora assistere al balletto delle dichiarazioni e delle posizioni disarticolate, e dettate il più delle volte da interessi estranei a quelli del rilancio dell’azienda.

 

I lavoratori Alitalia e i milioni di passeggeri, il cui diritto alla mobilità dipende da questa scelta, si aspettano decisioni rapide e compatibili con gli interessi generali, e non più al servizio delle singole consorterie, siano esse politiche o industriali.  

 

Roma, 13 dicembre 2007

 

IL PRESIDENTE

 

Massimo Muccioli