Diffida su tematica contrattuale “Riposi movibili”

Manifestazione ETF a Roma e MIlano il 5 ottobre
27 Luglio 2009
L’ACCORDO DEL 20 LUGLIO E I SOLITI OPPORTUNISTI DISSENZIENTI
29 Luglio 2009

Diffida su tematica contrattuale “Riposi movibili”

RR.SS.AA.
 
Roma, 28 luglio 2009
Spett.le
                                                                 
Alitalia – Compagnia Aerea Italiana s.p.a.
Risorse Umane
Gestione PNC
c.a. Dott. Angiolillo
e p.c.: c.a. Dott. Depaoli
c.a. Dott. Cuccuini
c.a. Dott. Pinzarrone
 c.a. Dott. Feldmann
c.a. Dott. Pompei
 
 
Oggetto: diffida ad azioni unilaterali su tematica contrattuale “Riposi movibili”
 
 
A seguito della mail inviata al PNC Alitalia a firma del “Team people care e Linea PNC” relativa alla tematica contrattuale dei riposi movibili, riteniamo indispensabile fare alcune precisazioni in merito e per ribadire la validità del Contratto e la non disponibilità dello stesso ad interpretazioni unilaterali a discrezione di qualsiasi ente aziendale.
 
L’esigenza, tutta aziendale, di indicare sul turno i quattro riposi mensili che costituiscono il massimo dei riposi movibili mensilmente “in operativo”, contravviene palesemente a quanto scritto nel Contratto.
 
Ci sembra utile riportare, proprio per evitare ogni equivoco, le frasi del Contratto dove si parla di riposi:
“L’Azienda in operativo per esigenze di servizio può spostare, rinviare o cancellare un numero massimo di 4 riposi programmati del mese, fermo restando quanto stabilito per i riposi inamovibili.
 
Nel caso in cui l’Assistente di Volo sia contattato nel giorno di riposo e si renda disponibile all’impiego nel giorno stesso il riposo non goduto potrà, a scelta dell’Assistente di Volo, essere rassegnato nel trimestre successivo, in aggiunta a quelli spettanti, o essere liquidato con un compenso sostitutivo costituito da 1/20 della retribuzione maggiorata del 75%.”
 
I concetti di operativo e di disponibilità non possono essere interpretati ed utilizzati discrezionalmente dall’azienda magari con l’obiettivo di ridurre il numero di risorse necessarie, di fatto negando la possibilità di un futuro lavorativo al PNC sia in cigs che precario.
 
In funzione delle considerazioni suesposte, Vi diffidiamo dal porre in essere atti unilaterali che contrastano con le previsioni contrattuali, invitandoVi al rispetto del Contratto e di tutti gli accordi sottoscritti e Vi richiediamo un urgente incontro in merito,
 
Distinti Saluti
                                                                   
 
RR.SS.AA. AA/VV     
FIT-CISL -ANPAV