IL MINISTRO, LA CAI E I PROBLEMI INSOLUTI DELLA CATEGORIA