Gli AAVV di AirOne passano in Alitalia: come?

5 ottobre: II giornata sulla fatica operazionale
28 Settembre 2009
comunicato stampa
10 Ottobre 2009

Gli AAVV di AirOne passano in Alitalia: come?

Con comunicazione del 6 ottobre 2009, l’Azienda informava di voler provvedere a trasferire in Alitalia CAI il ramo d’Azienda (Air One) attinente all’esercizio degli Aeromobili A320 e A330 Family, attraverso un operazione giuridicamente definita di “Scissione”.
 
L’operazione sarà effettuata dopo il 10 novembre c.a..
 
“La cessione del ramo A 3XX potrà avvenire secondo una progressione temporale correlata ai necessari interventi di allestimento degli aeromobili interessati (secondo il branding e gli standards di Alitalia) ad alle eventuali prescrizioni dell’Autorità regolatoria circa le modalità di soddisfacimento delle esigenze addestrative prescritte dalle vincolanti regolazioni pubbliche. Ne deriva che, in considerazione della possibilità di un graduale passaggio di operatività degli aeromobili, verrà conseguentemente modulato il trasferimento dei rapporti di lavoro del personale navigante coinvolto e delle attività strettamente attinenti alle operazioni di volo”.
 
“Permarranno in capo ad Air One le attività inerenti l’esercenza degli Aeromobili B737 (comprensive delle strutture necessarie previste per l’attività di trasporto aereo e per la certificazione di operatore aeronautico dalla medesima posseduta).”
 
“L’azienda intende applicare ai rapporti di lavoro del personale trasferito in Alitalia CAI i contratti collettivi nella stessa applicabili, coerentemente con quanto previsto dal comma 3 dell’art. 2112 c.c..”
 
Il PNC trasferito, nelle volontà aziendali, sarà pari a 312 risorse (di cui 190 nella qualifica di Assistente di Volo Responsabile e di 122 risorse nella qualifica di assistente di volo), individuate sulla base delle abilitazioni/certificazioni possedute e, subordinatamente, nell’ambito delle basi di servizio attualmente assegnate, dell’anzianità.
 
Le risorse che, ad oggi, operano in regime di distacco presso Alitalia CAI sono da intendersi incluse nei numeri sopra riportati.
 
Nel dettaglio, sempre secondo le intenzioni aziendali:
 
RISORSE PNC ASSUNTO A T.I. OGGGETTO DI CESSIONE
BASE
QUALIFICA
NUMERO RISORSE
ROMA
A/V RESPONSABILE
103
 
A/V
110
MILANO
A/V RESPONSABILE
72
 
A/V
TORINO
A/V RESPONSABILE
15
 
A/V
12
 
Cosi come previsto ai sensi dell’art. 2, comma 2, della Legge 428/1990, le Organizzazioni Sindacali richiederanno un incontro per l’avvio del previsto esame congiunto, nel quale saranno discussi gli argomenti specifici inerenti la confluenza del personale interessato in CAI e la disciplina contrattuale che sarà ad esso  applicata.

Dopo le dovute premesse, le rappresentanze FIT CISL e ANPAV, nell’ottica della trasparenza della propria posizione, esprimeranno, in quella sede, le proprie riserve circa una serie di aspetti citati nella comunicazione aziendale.
Nello specifico, riteniamo sia doveroso che:
 
  • l’azienda fornisca numeri più puntuali rispetto al fabbisogno “per macchina” suddiviso tra le differenti qualifiche;
 
  • l’azienda “chiarisca” la propria posizione in merito alla sovrapposizione terminologica delle qualifiche al momento vigenti in Air One e la definizione attribuita agli Ex P2 e P1 Alitalia;
 
  • l’azienda dia percorribilità, in sede di chiarimenti in merito alla disciplina contrattuale applicata ai colleghi Air One in arrivo, ad un confronto più ampio in materia di “armonizzazione contrattuale”, a ripristino di una serie di condizioni “di minima”, ad oggi non presenti sul dettato contrattuale CAI.
 
Non è più rinviabile un’attenta analisi delle professionalità e della seniority “relativa”, pur nel rispetto dei tecnicismi e delle previsioni  giuridiche connesse al merging tra le  due aziende.
 
I macrotemi sopra sottolineati devono essere considerati “centrali” per il raggiungimento di un compromesso.
 
Una operazione di questo tipo richiede buon senso e capacità di coniugare interessi e reciproche aspettative, per evitare che un clima già così difficile si possa ulteriormente deteriorare.
Nessuno deve essere mortificato, nessuno deve essere prevaricato.
E’ l’unico modo per evitare l’ennesimo, fatale pasticcio.                                                 
 
Roma, 8 ottobre 2009                                                                                                                      
 
RSA    
 
FIT CISL AV – ANPAV
 
ALITALIA – AIRONE